Hiryū-en (ex Master Bonsai) Forum  

Vai indietro   Hiryū-en (ex Master Bonsai) Forum > VARIE > Filosofia e bonsai

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità di visualizzazione
Vecchio 06-03-2014, 21:44   #1
Andrea Meriggioli
"Amministratore"
 
L'avatar di Andrea Meriggioli
 
Registrato dal: Sat Jan 2009
Provincia: Trieste
Messaggi: 19,002
Invia un messaggio tremite Skype a Andrea Meriggioli
predefinito natura e concetto di perfezione

Prima di esprimere miei pareri o altro, desidero esternare un quesito per analizzare tale concetto che ritengo molto importante e formativo da prende sotto analisi. La natura è perfetta? cosa sarebbe quindi la perfezione umana?!
Ovviamente una semplice utopia ma che a cosa mira?!... più ad imitare la natura o a cercare qualche cosa di irrangiungibile che l'essere umano reputa corretto?
Andrea Meriggioli non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 06-03-2014, 22:07   #2
J_P
Artista del ducato
 
L'avatar di J_P
 
Registrato dal: Fri Sep 2011
Provincia: Lussemburgo
Messaggi: 1,868
predefinito

alla natura non gli ne frega niente dell'estetica, dunque non puo essere perfetta, è com'è, basta!
Siamo noi umani che risentiamo il bisogno di classificare, di giudicare, di dare nomi e fare regole
La pianta perfetta non esiste, ci sono piante che mi gustano di piu che altre, poi ad una terza persona è l'incontrario. Questo è un fatto di cultura , educazione e percezione di ognuno di noi. Dando forma ad un albero tramite uno styling , esprimi tutto questo. Se conosci bene tuo mestiere, riesci a commuovere l'osservatore con una pianta "wild", oppure un drago, o anche con un albero assumendo la pace in se stessa tutto armonioso ...
Perfezione è una parola poco umile, è piuttosto la semplicità che si deve cercare !
J_P non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 06-03-2014, 22:14   #3
bat
Fotoreporter del Ducato
 
L'avatar di bat
 
Registrato dal: Fri Oct 2010
Provincia: Roma
Messaggi: 1,550
predefinito

Esprimo la mia la perfezione come valore assoluto in pratica non esiste se non per il significato che noi piccoli mortali attribuiamo a tale termine. Non a caso si dice che la perfezione è l'equilibrio delle cose imperfette ed è proprio questo il punto. A mio sommesso avviso più che di perfezione, bisognerebbe parlare di equilibrio perchè e la storia ce lo insegna, gli estremismi non hanno mai portato qualche cosa di buono. Fino a che esiste una condizione di equilibrio tutto il sistema regge diversamente no.
Quindi cercando di ricollegarmi a quanto diceva Andrea la natura nella sua imperfezione è perfetta vale a dire riesce a mantenere il giusto equilibrio nelle cose sbilanciando di tanto in tanto qua e la per poi tornare a bilanciare di nuovo il tutto. Dell'uomo e dei significati che egli attribuisce a questo o a quel concetto è inutile parlarne tanto è una partita persa a priori!
__________________
http://www.myphotoexperience.net/archive.php?mode=det&page=1&cat=0&period=5&utente=401
bat non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 06-03-2014, 22:15   #4
Andrea Meriggioli
"Amministratore"
 
L'avatar di Andrea Meriggioli
 
Registrato dal: Sat Jan 2009
Provincia: Trieste
Messaggi: 19,002
Invia un messaggio tremite Skype a Andrea Meriggioli
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da J_P Visualizza il messaggio
alla natura non gli ne frega niente dell'estetica, dunque non puo essere perfetta, è com'è, basta!
Siamo noi umani che risentiamo il bisogno di classificare, di giudicare, di dare nomi e fare regole
La pianta perfetta non esiste, ci sono piante che mi gustano di piu che altre, poi ad una terza persona è l'incontrario. Questo è un fatto di cultura , educazione e percezione di ognuno di noi. Dando forma ad un albero tramite uno styling , esprimi tutto questo. Se conosci bene tuo mestiere, riesci a commuovere l'osservatore con una pianta "wild", oppure un drago, o anche con un albero assumendo la pace in se stessa tutto armonioso ...
Perfezione è una parola poco umile, è piuttosto la semplicità che si deve cercare !
GRANDE !!!

Quote:
Originariamente inviata da bat Visualizza il messaggio
Esprimo la mia la perfezione come valore assoluto in pratica non esiste se non per il significato che noi piccoli mortali attribuiamo a tale termine. Non a caso si dice che la perfezione è l'equilibrio delle cose imperfette ed è proprio questo il punto. A mio sommesso avviso più che di perfezione, bisognerebbe parlare di equilibrio perchè e la storia ce lo insegna, gli estremismi non hanno mai portato qualche cosa di buono. Fino a che esiste una condizione di equilibrio tutto il sistema regge diversamente no.
Quindi cercando di ricollegarmi a quanto diceva Andrea la natura nella sua imperfezione è perfetta vale a dire riesce a mantenere il giusto equilibrio nelle cose sbilanciando di tanto in tanto qua e la per poi tornare a bilanciare di nuovo il tutto. Dell'uomo e dei significati che egli attribuisce a questo o a quel concetto è inutile parlarne tanto è una partita persa a priori!
Esatto
Andrea Meriggioli non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 07-03-2014, 05:53   #5
Seraph
Inizia a interessarsi
 
L'avatar di Seraph
 
Registrato dal: Wed Jun 2013
Provincia: Taranto
Messaggi: 83
predefinito

Esprimo il mio pensiero, anche se qui sono forse l'ultimo arrivato.
Io penso che nella natura, ci sia un fondo di perfezione, pensate ad una bella latifoglia in inverno, un olmo ad esempio, avranno tutti un portamente ad ombrello, chi più chi meno, questo è per me la perfezione, perchè una persona con l'occhio allenato, riconosce una pianta solo dalla sua silhouette.
Ritengo anche che la perfezione sia da ritrovarsi nella varietà di forme, colori, profumi che tutte le piante hanno, e pensare che, molto probabilmente, sono state tutte originate da un solo cianobatterio, un procariota piccolissimo, è ancora più bello, perchè le piante hanno una forza ad adattarsi incredibile, ed in questo si trova il loro più grande punto di forza. Ma questa di cui parlo, non è una perfezione assoluta, un canone pre-esistente, bensì una perfezione relativa, perchè è l'insieme di quelle analogie, tra varie piante, anche che si trovano agli antipodi, questa analogia è la sopravvivenza, una pianta, nonostante dove nasce rimane (si spera), contribuisce all'evoluzione, e spesso, piante lontanissime, per sopravvivere, raggiungono la stessa "soluzione", quindi diventano sempre più simili.
Esteticamente parlando invece, ritengo che non possa esistere una perfezione, perchè ogni pianta ha un particolare che la rende unica, forse, e dico solo forse, può esserci una sorta di canone di bellezza all'interno della stessa specie, cioè quella che noi bonsaisti chiamiamo naturalezza, però una perfezione assoluta non può esistere, in quanto questo attributo "assoluta" discorda con la varietà delle piante, quindi, considerando 2 esemplari che, in relazione alla propria specie, sono perfetti, tra di loro saranno imperfetti in quanto diversi, un esempio per spiegarmi, considerate un abete e un bagolaro, sono uguali? No! Quindi non c'è una perfezione assoluta, un disegno divino o altro, almeno per me, esiste solo una naturalezza della specie, e il minimo per chi ama la natura, ma anche per noi bonsaisti, è rispettare questa naturalezza in quanto tale.

Spero di non avervi annoiato!
__________________
La pratica rende perfetti.
Seraph non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 07-03-2014, 20:17   #6
tasso
Comprende il mochikomi
 
L'avatar di tasso
 
Registrato dal: Mon Oct 2009
Provincia: roma
Messaggi: 307
predefinito

Caro Andrea, come si vede che hai respirato l'aria di saggezza del lontano oriente, sono contento che tu ci sia riuscito e sinceramente non ne avevo dubbi,
Il tema che poni é molto delicato la natura é perfetta?
Se guardiamo a piccoli aspetti di essa, soffermandoci sul mondo dei bonsai ed in particolare dell'estetica di questi ultimi prenderemmo in considerazione solo un piccolissimo aspetto della natura e questo sarebbe fuorviante. Ciò che è bello per alcuni potrebbe essere brutto o insignificante per altri.
Ma se vogliamo davvero dare una risposta a questa domanda dobbiamo guardare alla natura nella sua complessità. La natura in quanto insieme di tutti gli esseri viventi, nel suo eterno dinamismo e nella sua infinita ed incommensurabile grandezza.
Se un singolo aspetto della natura può essere considerato una imperfezione: la parte secca di un albero, un edificio crollato, un evento naturale catastrofico, una vita che giunge alla sua fine naturale, il dolore infinito provato da un essere vivente, lo stesso non si può dire se consideriamo questi eventi nella loro complessità. Un ramo che si spezza e cade al suolo diventa cibo per gli animali e al termine di un lungo processo biologico anche il tronco che marcise restituisce alla terra i sali minerali di cui l'albero si era nutrito per diventare tale. La morte di una animale o di un uomo é il principio della vita per una serie infinita di altri esseri viventi. In natura tutto si trasforma e nulla si distrugge. Se pensiamo alla complessità della vita umana o al dinamismo del nostro pianeta, al suo perenne movimento eppure alla possibilità che ci viene offerta di vivere su di esso, se pensiamo alla semplicità di un essere unicellulare rispetto alla complessita di organismi pluricelluari, alla grandezza della terra che riesce a contenerci tutti ed alla sua infinitesimale dimensione rispetto all'infinito dell'universo conosciuto, allora credo che potremmo umilmente dire che la natura é perfetta.
Non mi dilungo oltre ed evito volutamente di prendere in considerazione la perfezione dell'uomo sulla quale ci sarebbe molto da discutere.
tasso non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 08-03-2014, 11:41   #7
sior anzoleto
Frequentatore del laboratorio.
 
L'avatar di sior anzoleto
 
Registrato dal: Wed May 2010
Provincia: Monfalcone
Messaggi: 1,984
predefinito

Mi piace il pensiero di Bat, però anziché equilibrio io l'elemento fondamentale lo chiamerei, anzi lo chiamo "ARMONIA",
senza la quale ogni cosa diventa precaria.
L'equilibrio è una contrapposizione di forze apparentemente uguali, mentre l'armonia è una convivenza di elementi che si fondono insieme senza prevaricarsi.
La differenza anche se sottile è sostanziale.
sior anzoleto non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 09-03-2014, 21:46   #8
Andrea Meriggioli
"Amministratore"
 
L'avatar di Andrea Meriggioli
 
Registrato dal: Sat Jan 2009
Provincia: Trieste
Messaggi: 19,002
Invia un messaggio tremite Skype a Andrea Meriggioli
predefinito

Esatto molte cose coerenti dette, la differenza sostanziale è che la perfezione della natura non è umana e nemmeno concepibile appieno da noi, mi spiego meglio...
la natura sa equilibrare e dare armonia a tutto senza mai pensare a nessun vincolo di tempo, gestisce tutto nell'eternità pensando a ogni singolo essere vivente. Noi invece ci relazioniamo legati ad un lasso di tempo circoscritto e focalizziamo "solo sull'armonia di ciò che ci interessa".
Se si va oltre a questo si può cercare di capire.
Le mie sono filosofie che però possono aiutare a migliorare il proprio modo di concepire e vivere il bonsai nel corso della vita
Andrea Meriggioli non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 10-03-2014, 12:20   #9
bat
Fotoreporter del Ducato
 
L'avatar di bat
 
Registrato dal: Fri Oct 2010
Provincia: Roma
Messaggi: 1,550
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da sior anzoleto Visualizza il messaggio
Mi piace il pensiero di Bat, però anziché equilibrio io l'elemento fondamentale lo chiamerei, anzi lo chiamo "ARMONIA",
senza la quale ogni cosa diventa precaria.
L'equilibrio è una contrapposizione di forze apparentemente uguali, mentre l'armonia è una convivenza di elementi che si fondono insieme senza prevaricarsi.
La differenza anche se sottile è sostanziale.
Bingo !
__________________
http://www.myphotoexperience.net/archive.php?mode=det&page=1&cat=0&period=5&utente=401
bat non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 10-03-2014, 12:21   #10
bat
Fotoreporter del Ducato
 
L'avatar di bat
 
Registrato dal: Fri Oct 2010
Provincia: Roma
Messaggi: 1,550
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da Andrea Meriggioli Visualizza il messaggio
Esatto molte cose coerenti dette, la differenza sostanziale è che la perfezione della natura non è umana e nemmeno concepibile appieno da noi, mi spiego meglio...
la natura sa equilibrare e dare armonia a tutto senza mai pensare a nessun vincolo di tempo, gestisce tutto nell'eternità pensando a ogni singolo essere vivente. Noi invece ci relazioniamo legati ad un lasso di tempo circoscritto e focalizziamo "solo sull'armonia di ciò che ci interessa".
Se si va oltre a questo si può cercare di capire.
Le mie sono filosofie che però possono aiutare a migliorare il proprio modo di concepire e vivere il bonsai nel corso della vita
Bingo !
__________________
http://www.myphotoexperience.net/archive.php?mode=det&page=1&cat=0&period=5&utente=401
bat non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 10-03-2014, 15:59   #11
carlo_pj
Comprende il mochikomi
 
L'avatar di carlo_pj
 
Registrato dal: Mon Nov 2012
Provincia: Trieste
Messaggi: 289
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da Andrea Meriggioli Visualizza il messaggio
La natura è perfetta ?

Cosa sarebbe quindi la perfezione umana?!
Ovviamente una semplice utopia ma che a cosa mira?!... più ad imitare la natura o a cercare qualche cosa di irrangiungibile che l'essere umano reputa corretto?
Sulla prima ho letto cose molto belle, con le quali concordo.
Resta la seconda domanda, la più difficile.

Certo che se ricerchi la "correttezza" discrimini e giudichi (giusto/sbagliato) e quindi perdi qualcosa.

Inoltre essere umani credo sia cosa almeno in parte diversa dalla natura, perchè - a volte purtroppo - noi abbiamo mangiato all'albero della conoscenza - anche se forse troppa ne abbiamo dimenticata - e dunque se ne siamo parte ne siamo anche diversi.

E quindi ?
Se siamo diversi in quanto abbiamo mangiato dal famoso albero, allora - oltre ad essere parte della natura - è anche cercare di raggiungere la massima conoscenza possibile ?
(oltre che tecnico/scientifica, anche della REALTA').

Troppo difficile, comunque riguardo la conoscenza non tecnico/scientifica è già un pò che l'argomento è autorevolmente trattato ...


Il Tao che può essere detto
non è l'eterno Tao,
il nome che può essere nominato
non è l'eterno nome.

Senza nome è il principio
del Cielo e della Terra,
quando ha nome è la madre
delle diecimila creature.

Perciò chi non ha mai desideri
ne contempla l'arcano,
chi sempre desidera
ne contempla il termine.

Quei due hanno la stessa estrazione
anche se diverso nome
ed insieme sono detti mistero,
mistero del mistero,
porta di tutti gli arcani.


T'A MESSO NELLA M***A ANDARE IN JAP !!!!
Prossimo passo le arti marziali ...
carlo_pj non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 13-03-2014, 10:25   #12
carlo_pj
Comprende il mochikomi
 
L'avatar di carlo_pj
 
Registrato dal: Mon Nov 2012
Provincia: Trieste
Messaggi: 289
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da Andrea Meriggioli Visualizza il messaggio
La natura è perfetta? cosa sarebbe quindi la perfezione umana?!
Ovviamente una semplice utopia ma che a cosa mira?!... più ad imitare la natura o a cercare qualche cosa di irrangiungibile che l'essere umano reputa corretto?
Curiosamente oggi su Repubblica trovo questo (detto dal Papa ! ).

"La nostra relazione con la verità non è statica, poiché la Somma Verità è infinita e può sempre essere conosciuta maggiormente; è sempre possibile immergersi di più nelle sue profondità.

Mi pare che c'entri abbastanza con la tua domanda, in quanto ne deriva che la perfezione non è una meta, ma un percorso.

L'articolo intero
http: //www.repubblica.it/esteri/2014/03/13/news/basta_fondamentalismi_e_pensiero_unico_la_verit_non_esiste_senza_il_dialogo-80876973/


Chi ha studiato la sà mettere giù più facile di noi ignorantoni ....
carlo_pj non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 13-03-2014, 12:45   #13
suber
Comprende il mochikomi
 
Registrato dal: Tue Jan 2011
Provincia: mondovi',cuneo
Messaggi: 422
predefinito

La natura è perfetta fino a quando riesce a seguire il suo corso, la perfezione umana non esiste perché contaminata dalle culture politiche e religiose. Detta così, terra, terra.
__________________
orlj
suber non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 13-03-2014, 13:00   #14
sior anzoleto
Frequentatore del laboratorio.
 
L'avatar di sior anzoleto
 
Registrato dal: Wed May 2010
Provincia: Monfalcone
Messaggi: 1,984
predefinito

Da tutta questa conversazione in cui ognuno ci ha messo del suo (giusto così), considerato che è un confronto di opinioni, mi sembra però che una concetto emerga imperioso e fondamentale. "non è la natura che deve capire ed adattarsi all'uomo, bensì è l'uomo che deve adattarsi all'armonia della natura".
Altrimenti si rimane in stazione con la valigia in mano senza sapere che treno prendere..................
sior anzoleto non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 23-03-2014, 23:29   #15
ananxx
Inizia a interessarsi
 
L'avatar di ananxx
 
Registrato dal: Sun Mar 2014
Provincia: Treviso
Messaggi: 55
predefinito

provo a spiegarlo con un diverso esempio...
l'arte greca classica, considerata la culla del senso estetico occidentale, ( anche essa fortemente influenzata dal vicino oriente) era arrivata alla perfetta conoscenza della natura ma non alla mimesi assoluta con essa.
I greci ammiravano la bellezza della natura, ne comprendevano l'essenza e i segreti ma si guardavano dall'imitazione fine a se stessa. Dalla natura avevano appreso la perfezione delle armonie auree. Studiandola avevano stabilito matematicamente le proporzioni perfette delle cose. Quindi partendo dall'osservazione e stu*** del modello naturale ne avevano dato una personale interpretazione purificata da tutto quello che poteva apparire disarmonico. Nell'armonia e nella perfezione era possibile l'incontro con il divino.

l'approccio orientala alla natura è forse meno razionale ma riflessivo ma il risultato è complessivamente il medesimo...
il pittore paesaggista giapponese era capace di rimanere in contemplazione di una cascata o di una montagna per giorni per poi tornato in stu*** farne una rappresentazione essenziale ma pregna del suo vero spirito ripulito da tutto quel che riteneva superfluo... l'arte del togliere è la sostanza!

Ultima modifica di ananxx; 23-03-2014 a 23:32 Motivo: correzione
ananxx non è in linea   Rispondi quotando
Rispondi

Segnalibri


Stanno leggendo questa discussione: 1 (0 utenti e 1 ospiti)
 
Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato

Salto del forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 20:55.


Powered by vBulletin versione 3.8.2
Copyright ©: 2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana Team: vBulletin-italia.it