Hiryū-en (ex Master Bonsai) Forum  

Vai indietro   Hiryū-en (ex Master Bonsai) Forum > Bonsai > Rinvaso, attecchimento e preparazione

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità di visualizzazione
Vecchio 04-01-2010, 18:51   #1
Re di olea
Lo Zio del Duca
 
L'avatar di Re di olea
 
Registrato dal: Mon Jan 2009
Provincia: iglesias
Messaggi: 1,576
Invia un messaggio tremite Skype a Re di olea
predefinito L'imbustamento

cari ragazzi mi sà che si stà a fare un pò di confusione,adesso vi spiego io come funziona visto che sono io quella che l'hà tolta fuori:iniziamo a dire che le piante non fanno radici se non hanno foglie,perchè queste vengono generate con la linfa ascendente,e le foglie non vivono senza radici.e fi qui ci siamo.la busta nera serve per due cose importanti,primo per mantenere un umidità interna molto elevata,in modo che la pianta non perda energie a idratare tutto il tronco.a questo punto la la pianta cosa fa:avendo bisogno delle foglie per poter vivere e quindi di tanta luce per poter fare un abbondante fotosintesi,lei non sa che è imbustata,ma registra solamente scarsa luminosità,quindi emette un numero molto maggiore di gemme,e quindi foglie, per poter così soperire alla mancanza di luce.un altro aspetto positivo della busta nera è quello di aumentare la temperatura interna,così da riprodurre un efetto primavera,ma occhio,nei periodi invernali visto le basse temperature si può tenere anche in posti molto luminosi o che prendono qualche ora di sole,in primavera inoltrata o estate assolutamente in piena ombra,si rischierebbe di lessare la pianta.andiamo avanti.la pianta dopo che incomincia a far spuntare le nuove gemme,di circa 1cm,bisogna sostituire la busta nera con quella trasparente,perche con questa continueremo a tenere l'umidità interna hà i massimi livelli e terremo la pianta idratata,e daremo così alle nuove gemme il giusto apporto di luce per poter far fare una coretta fotosintesi e quindi un abbondante formazione di radici.le due cose,foglie radici non si possono scindere,vanno di pari passo.questa tecnica funziona ottimamente sulle mediterranee,perchè sono essenze che presentano delle zone rizzogene che non sono altro che zuccheri che la pianta mette da parte per periodi di magra,e quindi sfrutta nel momento in cui usiamo questa tecnica.c'è da aggiungere che facendo questa operazione le piante che imbustiamo con il nero non devono avere nemmeno una foglia.spiego anche questo:se lasciamo foglie la pianta non emeterà nuove gemme ma cercherà di usare queste per poco e usando le scorte fino ad andare in stasi e talvolta non riesce neanche a riprendersi.questa tecnica non viene usata assolutamente su conifere perchè queste non potendo essere defogliate causa morte imediata,bisogna limitarsi a potare i rami troppo lunghi favorendo i più giovani e forti,in questo caso imbusteremo tutta la pianta compreso il vaso con trasparente,in modo che oltre a tenerla idrattata fornirà la luce per eseguire la fotosintesi.passiamo hai prodotti:sulle coniffere possiamo usare fin da subito dei stimolanti fogliari e radicali perchè queste avendo un pò di chioma possono assorbire i prodotti e così pure via radicale,si presume che ne abbiano già inizialmente altrimenti non atechiscono.i funghi bioximi aiutano molto in questo casp perchè colonizzando il terreno oltre a scongiurare marciume dovuto a funghi dannosi,aiutano a veicolare le sostanze nutritive alla pianta.nelle mediterranee o latifoglie i prodotti fogliari non servono a nulla per ovi motivi,non avendo ne foglie e ne radici non vengono assorbite,si potranno incominciare ad usare dopo la comparsa di queste.invece i funghi bioximi si possono usare da subito perchè colonizzando il terreno evitano marciumi da funghi dannosi,ed in più appena la pianta inizierà a produrre radici entreranno subito in simbiosi migliorando l'apporto delle sostanze nutritive.un piccolo appunto i funghi simbionti si attivano a circa 10 gradi quindi è buona norma far salire la temperatura all'interno della busta ma controllando che non sia mai oltre i 40 gradi,otre questa soglia la pianta frigge.questa è la mia tecnica,poi se voi volete fare varianti,prima pensateci bene che habbia una spiegazione logica altrimenti non danno frutti.spero di aver esaudito i vosti dilemmi,e se ci sono domande chiedete pure.
Re di olea non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 04-01-2010, 20:11   #2
Roso
Comprende il mochikomi
 
Registrato dal: Tue Jun 2009
Provincia: Aosta
Messaggi: 96
Invia un messaggio tremite Skype a Roso
predefinito

Grazie RE, sei stato esaudientissimo, mi hai imboccato come si fa ad un neonato (in questo caso neofita ).
Ho capito tutto e te ne sono grato
Roso non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 04-01-2010, 20:53   #3
Marco74
Comprende il mochikomi
 
Registrato dal: Sun Nov 2009
Provincia: Macerata
Messaggi: 177
predefinito

Grazie tante Re, sei un mito...

Parliamo di questa variante se ti va: mettere le mediterranee defogliate in cantina sui 15-20 gradi fissi, con una piccola finestra, quindi diciamo cantina buia. Mettere la busta nera o trapsarente intorno al vaso, puoi aiutare a far partire la zona risogena, cioè isolarla, senza far partire o attivare le gemme sul tronco nella zona più alta?
Marco74 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 04-01-2010, 21:06   #4
Giancarlo
Guest
 
Messaggi: n/a
predefinito

Superba spiegazione Re'!!!!
Finalmente ho capito molte cose sull'imbustamento e sui vari colori....
  Rispondi quotando
Vecchio 04-01-2010, 23:14   #5
Andrea Meriggioli
"Amministratore"
 
L'avatar di Andrea Meriggioli
 
Registrato dal: Sat Jan 2009
Provincia: Trieste
Messaggi: 18,953
Invia un messaggio tremite Skype a Andrea Meriggioli
predefinito

Ottima spiegazione Zio !
Però posso dire che vi sono essenze che radicano dal tronco emettendo capillari se raccolte in autunno ed imbustate come il prunus mahaleb per esempio, prima di fare abbondante vegetazione sopra ma solo qualche gemma.
Pertanto le essenze si differenziano tra di loro sui vari comportamenti (soprattutto molto importanti nello sbustamento totale per evitare che la pianta scarti tutta la vegetazione prodotta!) però il tuo discorso di massima è ottimissimo !
Andrea Meriggioli non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-01-2010, 06:58   #6
Re di olea
Lo Zio del Duca
 
L'avatar di Re di olea
 
Registrato dal: Mon Jan 2009
Provincia: iglesias
Messaggi: 1,576
Invia un messaggio tremite Skype a Re di olea
predefinito

infatti andrea,come hò detto anche il malebbo inizia a radicare insieme alla comparsa delle gemme,ne prima ne dopo.
Re di olea non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-01-2010, 07:09   #7
Re di olea
Lo Zio del Duca
 
L'avatar di Re di olea
 
Registrato dal: Mon Jan 2009
Provincia: iglesias
Messaggi: 1,576
Invia un messaggio tremite Skype a Re di olea
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da Marco74 Visualizza il messaggio
Grazie tante Re, sei un mito...

Parliamo di questa variante se ti va: mettere le mediterranee defogliate in cantina sui 15-20 gradi fissi, con una piccola finestra, quindi diciamo cantina buia. Mettere la busta nera o trapsarente intorno al vaso, puoi aiutare a far partire la zona risogena, cioè isolarla, senza far partire o attivare le gemme sul tronco nella zona più alta?
a<allora marco,se metti una pianta in un luogo buio come la cantina,a questo punto non serve la busta nera,ma basta una trasparente,tanto c'è buio,non è che la pianta sà che la metti in cantina o dentro un arma***,mettere la busta solo intorno al vaso non serve a nulla,non dobbiamo tenere idratato il vaso che la maggior parte delle volte è pure di plastica,ma la pianta.se la temperatura è alta si avrà una più veloce gemazione che non si può scindere dal processo di radicazione,unsando questo metodo riusciamo a indurre la pianta a mettersi in moto,ma non possiamo controllare il processo,la pianta non hà vari interrutori che possiamo accendere o spegnere a piacimento.se tu raccogli una pianta in inverno e non vuoi che parta subito,allora basterà che imbusti il tutto con trasparente per tenere solamente la pianta idratata,e metti la pianta fuori al freddo,in questo modo la pianta resta in stasi ma protetta e quando ariva la primavera con l'aumento delle temperature ripartirà da sola.
Re di olea non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-01-2010, 07:16   #8
Marco74
Comprende il mochikomi
 
Registrato dal: Sun Nov 2009
Provincia: Macerata
Messaggi: 177
predefinito

grazie Re, ultimamente ne ho sentite tante...
Ci sono bonsaisti che mettendo argilla espansa (ma noi mettiamo l'agri che è meglio) e degli stracci sopra la ciotola riescono (detto da loro) a ritrovarsi molti capilalri nuovi a primavera, ma con la pianta ancora senza gemme, perché la aprte fuori del vaso resta al freddo come dici tu.
Marco74 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-01-2010, 08:33   #9
Andrea Meriggioli
"Amministratore"
 
L'avatar di Andrea Meriggioli
 
Registrato dal: Sat Jan 2009
Provincia: Trieste
Messaggi: 18,953
Invia un messaggio tremite Skype a Andrea Meriggioli
predefinito

Piede caldo e testa fredda, in questo periodo, come per le talee
Andrea Meriggioli non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-01-2010, 17:30   #10
anto
Guest
 
Messaggi: n/a
predefinito

ciao stefano, peccato che solo ora ci hai spiegato in modo così dettagliato questo sistema. io in autunno ho raccolto nel mio giardino un melo cotogno con pochissime radici e mi sono trovata abbastanza in difficolta nella sua gestione riguardo all'imbustamento.
ora è in taverna di casa a circa 18 gradi, ha emesso dei germogli ed alcuni si sono seccati.metà tronco (in verticale) sembra che si stia seccando mentre nella zona apicale ci sono dei germogli ben vitali alimentati dal restante metà tronco.
però si verifica una cosa strana della quale non ho mai sentito dire.
nella zona che delimita la parte vitale da quella secca si formano dei rigonfiamenti biancastri che è evvidente corrispondono ai vasi linfatici.questi arretrano sempre verso la zona vitale e la zona secca si allarga.
la pianta raccolta era decisamente più alta di quello che avrei voluto fossero le dimensioni finali, ma lentamente questo secco si avvicina al punto in cui intendevo mantenere il tronco originale. sai di quale fenomeno ti parlo e di come trattarlo??
  Rispondi quotando
Vecchio 05-01-2010, 18:40   #11
Re di olea
Lo Zio del Duca
 
L'avatar di Re di olea
 
Registrato dal: Mon Jan 2009
Provincia: iglesias
Messaggi: 1,576
Invia un messaggio tremite Skype a Re di olea
predefinito

anto ci vorebbero delle foto per vedere di che si tratta.
Re di olea non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-01-2010, 19:11   #12
Marco74
Comprende il mochikomi
 
Registrato dal: Sun Nov 2009
Provincia: Macerata
Messaggi: 177
predefinito

sarà un ritiro di linfa?
Marco74 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-01-2010, 20:19   #13
anto
Guest
 
Messaggi: n/a
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da Re di olea Visualizza il messaggio
anto ci vorebbero delle foto per vedere di che si tratta.
cercherò di fare delle foto in cui si riesca a vedere questa cosa, ma non so se sarà possibile che risultino esplicative.andrea aveva visto dal vero questo fenomeno e non gli era sembrato nulla di importante, però la parte secca avanza.
  Rispondi quotando
Vecchio 05-01-2010, 21:26   #14
Andrea Meriggioli
"Amministratore"
 
L'avatar di Andrea Meriggioli
 
Registrato dal: Sat Jan 2009
Provincia: Trieste
Messaggi: 18,953
Invia un messaggio tremite Skype a Andrea Meriggioli
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da anto Visualizza il messaggio
cercherò di fare delle foto in cui si riesca a vedere questa cosa, ma non so se sarà possibile che risultino esplicative.andrea aveva visto dal vero questo fenomeno e non gli era sembrato nulla di importante, però la parte secca avanza.
Ricordo di averle viste assieme alessandra e che al tatto, lo strato superficiale dove c'erano questi, la corteccia se nè andava rendendo visibile il tessuto cambiale verde e vitale sottostante.
A mio parere sono dati dall'imbustamento che mantiene un costante tasso d'umidità!... ma il ritiro linfatico credo che non sia causato da questi ma da naturale selezione della pianta.
Andrea Meriggioli non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-01-2010, 23:49   #15
Carmone
Comprende il mochikomi
 
L'avatar di Carmone
 
Registrato dal: Thu Dec 2009
Provincia: Lodi
Messaggi: 78
predefinito

posso solo dire che grazie per l'ennesima vostra dei vostri sapienti contributi che ho capito che il tronco di Ligustro, piuttosto che strapazzarlo ,l'ho imbustato in un sacchettino nero forellato, affinche' cacci qualche gemma.....
vi faro' sapere.
__________________
Mi chiamo Luca:)
Carmone non è in linea   Rispondi quotando
Rispondi

Segnalibri


Stanno leggendo questa discussione: 1 (0 utenti e 1 ospiti)
 
Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato

Salto del forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 07:19.


Powered by vBulletin versione 3.8.2
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana Team: vBulletin-italia.it